Archivio per settembre 2011

Sede “nuova” – Un anno di miracoli

Chi conosce la breve storia di SI MA BÔ penserà che devo essere un’accolita dell’UCIM! Macché! Qui non c’è tempo di fare corsi né di leggere tomi di 1400 pagine… anche i miracoli si fanno come si può, quindi certe volte non vengono proprio perfetti, o magari bisogna aspettare un po’. Certe volte, quando non si riesce a farli tutti i una volta, si fanno a rate!!

Altri rifiuti e macerie nel primo cortile della sede nuova, l'ex sede di MOVEC.

Quest’ultimo è il caso della cosiddetta “sede nuova” di SI MA BÔ, che di nuovo ha solo il fatto che viene dopo la “sede vecchia”! Per il resto, quando abbiamo ritirato le chiavi, più di un anno fa, con tutto il lavoro che c’era da fare, rimaneva solo da mettersi le mani nei capelli: montagne di macerie e di rifiuti da smaltire, niente luce, niente acqua, niente fogna, niente porte né finestre, uno degli edifici era persino senza tetto…

L'edificio senza tetto della sede nuova, ora coperto grazie al contributo di Lamento Rumeno Onlus, ora nostro partner nel finanziamento del progetto.

Bene, abbiamo detto, adesso non ci resta che tirarci su le maniche e dare olio ai gomiti! Anche perché da mesi la padrona della sede vecchia, che qui sentitamente ringraziamo, rivendicava i suoi locali, messi a disposizione gratuitamente fin dal dicembre 2008.

La nuova sede ci è stata concessa in uso gratuitamente nell’agosto scorso dall’impresa informatica mindelense Fonseca & Santos, cui vanno i nostri altrettanto sentiti ringraziamenti, dopo che da mesi eravamo in trattative con il Municipio di Sao Vicente per la concessione di uno spazio in cui svolgere le nostre attività di pubblica utilità. Purtroppo dal Municipio non si è visto niente, e in effetti è l’unica entità con cui non riusciamo ancora a fare miracoli! Però nel mese di ottobre, per farsi perdonare gli abbattimenti con stricnina, a seguito dei quali ci sono state molte proteste anche di nostri soci, ci hanno messo a disposizione la scavatrice per sgombrare i cortili dalle macerie. Sono stati portati via 16 camion di rifiuti.

Uomini dell'esercito mentre sgombrano da rifiuti e macerie la sede nuova.

Ma ci servivano uomini per prepararli in modo che la pala potesse caricarli. Dove trovarli? Qui si fa fatica a trovare un volontario anche solo per qualche ora, chi poteva prestarci tanta manodopera gratuita? Prega e riprega, alla fine alla nostra grande amica Glaucia, giornalista brasiliana responsabile delle pubblicazioni dell’Università di Cabo Verde, nonché fondatrice e amministratrice del nostro blog in portoghese, viene una brillante idea: Prova a chiedere all’esercito!! Infatti, in men che non si dica, il Comandante Anildo Morais ci manda una quindicina di uomini per un paio di giorni.

Poi nelle due giornate dello sgombero, è stato decisivo l’aiuto di Ailton, la nostra guardia zoofila, e Claudio, padrone di 5 cani ammazzati con la stricnina nella campagna di abbattimento di ottobre, di cui 3 sterilizzati da noi.

Bene… senza macerie e rifiuti, era già tutta un’altra cosa…

Edificio B: la pala meccanica messa a disposizione dal Comune mentre porta via gli ultimi fogli delle centinaia di contenitori di documenti abbandonati dalla MOVEC. Qui verranno ora costruiti alcuni box per gli ospiti. Non troppi perché S MA BO non vuole essere un canile ma solo un rifugio temporaneo per i cani recuperati e in attesa di adozione.

Adesso era ora di pensare all’acqua, alla luce e alla fogna, per poter cominciare almeno a trasferire i cani adulti e sani in attesa di adozione, che si stavano ammassando nei piccoli locali della sede vecchia fino ad occupare anche la sala operatoria!

Ed ecco che succede un altro miracolo: il signor George, a cui abbiamo salvato il cane in fin di vita, padrone di un’officina meccanica e artigiano tuttofare di grande esperienza, si rende disponibile ad occuparsi dell’impianto elettrico e di quello idrico. Intanto Claudio aveva provveduto al collegamento alla fogna. A metà dicembre riusciamo a mettere i contatori, a inizio gennaio vengono trasferiti i cani e la cucina.

Silvia con il sig. George Soares, artigiano, che ci ha aiutato a mettere i contatori della luce e dell'acqua come gesto di riconoscenza per avergli salvato l'adorato cane.

D’ora in poi in sede nuova lavorerà Paulo, uno studente molto amante degli animali, preciso, puntuale e volonteroso, che grazie a SI MA BO ha trovato un modo utile per rendersi economicamente autonomo dalla famiglia.

Paulo in cucina mentre prepara da mangiare per tutti gli ospiti del rifugio.

Rimaneva sempre il tetto dell’edificio più nuovo, quello che doveva ospitare l’ufficio, il bagno, l’ambulatorio, la sala operatoria, il reparto intensivi, e il magazzino nonché una stanza per i volontari. Siamo quindi tornati alla carica con il Municipio, che per altri otto mesi ci ha tenuti in sospeso con varie promesse che non sono mai state mantenute, finché è arrivato anche il quarto miracolo!

Lamento Rumeno Onlus, dando seguito all’accordo di partenariato stipulato nel mese di marzo scorso, annuncia la disponibilità a dare il via ai versamenti mensili di 1500 euro a parziale copertura delle spese di ordinaria amministrazione. Da qui a trasferire l’importo dei primi tre mesi al rifacimento del tetto e alla costruzione delle pareti divisorie nell’edificio B per i box il passo è stato non breve, immediato! Grazie ancora una volta a Lamento Rumeno per il prezioso sostegno.

Alla fine della terza giornata di lavori i ferri del tetto sono pronti per appoggiarci le lamiere della copertura.

I lavori sono iniziati la settimana scorsa e speriamo davvero che possano concludersi entro la fine del mese per poter finalmente avere una sala operatoria e una sala visite degni del loro nome! Per le porte interverrà il falegname di fiducia del signor George, e i pavimenti dell’ambulatorio e della sala operatoria saranno realizzati gratuitamente (con piastrelle fallate donate dall’impresa Tecnicil, costruttrice del complesso Copacabana a Laginha), da Frekson, padrone di Penny, la gattina tricolore operata alla tibia dalle dott.sse Alessandra Panacea e Francesca Brugnoli.

Frekson, padrone della gatta Penny, mentre sistema un pezzo di intonaco, dopo aver fatto il pavimento della sala visite, con piastrelle di recupero donate da Tecnicil.

L’importante è che tutto sia pronto per l’arrivo del dott. Pietro Allasia, che si fermerà a Mindelo ad aiutare i nostri amici pelosi per almeno tre mesi.

Grazie ancora a tutti

Annunci

SI MA BÔ a Radio Deejay con Vic e The Network

Il Veec di Radio DeejayEcco il testo completo del messaggio inviato al programma The Network di Radio Deejay e andato in onda stamattina, grazie alla sensibilità di Vic e Chiara:  

Ciao Veec,

ogni tanto da Capo Verde riesco a sentirvi via Internet, mi piace la vostra idea di collegare gli italiani sparsi per il mondo in The Network. Me l’ha segnalato il mio amico Andrea.

Alla vostra domanda su come salvare il pianeta, pezzetto per pezzetto, io rispondo per quello che faccio qui a Sao Vicente. Sono la fondatrice e principale finanziatrice di un’associazione per la protezione degli animali a Capo Verde. 

Cerchiamo sempre piccoli donatori generosi che ci aiutino a finanziare le spese di realizzazione del nuovo rifugio/clinica che stiamo preparando in questi giorni, solo grazie a chi adotta a distanza un cane o un gatto di strada riusciamo a curarli e sterilizzarli. Grazie a questo possiamo ridurre la malattie, come la rogna, che si diffondono anche ai bambini di strada che giocano con i cuccioli nelle stesse vie polverose.

Galao (Caffelatte) con il suo padroncino adottivo. Leggete qui la storia di questo incredibile cane!

 Generosi veterinari italiani partono per questa isoletta sperduta per fare una settimana di lavoro-vacanza, spesso più lavoro in verità, e ci aiutano gratuitamente visto che qui non esiste nemmeno la professione del veterinario. Se poteste parlare di noi nel vostro programma, citando il nostro sito www.simabo.org, ci dareste già un grossissimo aiuto. Potete trovarci anche su Facebook: http://www.facebook.com/#!/group.php?gid=208134950732

Ciao e grazie!

Vi mando un ringraziamento anche da parte della Pina, la nostra mascotte.

Ascolta qui il reload del programma del 15 settembre con Vic che legge il messaggio di SI MA BÔ al minuto 27.

La mia esperienza con SI MA BÔ – di Eleonora Corsi, medico veterinario di Firenze

L’esperienza capoverdiana per me in realtà è iniziata con una settimana al Centro Veterinario Monviso a Pinerolo, dove ho ricevuto un’accoglienza meravigliosa ed ho potuto unirmi allo staff nei molteplici e differenti casi clinici che ogni giorno si presentano al Centro. Con la Dr.ssa Raineri durante la settimana di tirocinio abbiamo visto le foto dell’associazione, parlato delle patologie più frequenti a Capo Verde e di come comportarsi per aiutare gli animali senza scontrarsi troppo con una mentalità completamente diversa dalla nostra. Abbiamo consultato insieme i protocolli messi a punto da lei stessa dopo più di due anni di esperienza e affrontato tutto ciò che sarebbe stato utile una volta sul posto. Infatti, come mi sono resa conto una volta arrivata, a Mindelo ci vogliono alcuni giorni per adattarsi a un nuovo modo di lavorare, e le indicazioni della Dr.ssa e i protocolli inviati prima di partire sono davvero importanti e consiglio a tutti coloro che decidono di fare quest’esperienza di non sottovalutarli.

Una volta arrivata a Capo Verde, invece, si trova un altro valido aiuto su cui contare: Silvia. Anche lei conosce molto bene tutti i protocolli da seguire, vive li e sa come vanno le cose, quindi anche se a volte non si è proprio d’accordo perché in Italia si lavora in maniera completamente diversa e si hanno a disposizione molti più ausili diagnostici, è sempre bene discutere con lei di tutti i casi che entrano, escono e transitano dall’associazione; anche se a volte non è facile prendere alcune decisioni, si può avere in qualsiasi momento l’aiuto di Silvia e della Dr.ssa Raineri.

Per quanto riguarda il mese che ho trascorso a Mindelo devo dire che, anche se è stata una delle più belle ed emozionanti esperienze della mia vita, non è una passeggiata!!! Chi va con l’intento di salvare ed aiutare più animali possibile, ed è questo che deve spingere a fare un’esperienza simile, è bene che sappia che non è uno scherzo perché la quantità di lavoro è grande, tutti i giorni ci si deve scontrare con modi di vivere e pensare totalmente diversi dai nostri e nonostante tutto la nostra è solo una piccola goccia in mezzo al mare per quei poveri angeli dei nostri amici a quattro zampe. Devo anche dire però che lavorare a Mindelo è bellissimo; gli animali sono abituati a vivere in promiscuità fra di loro e con le persone quindi sono quasi tutti estremamente docili anche se all’inizio devono prendere un po’ di confidenza e dopo che ti hanno visto un paio di giorni in associazione sei un loro alleato, sembra quasi che capiscano che tu sei li per aiutarli anche se li costringi a prendere la compressa che non vogliono o a fare la medicazione dolorosa e tutti sono di un affettuoso al di sopra delle nostre aspettative…

Un’altra cosa che mi ha fatto rimanere a bocca aperta è che anche gli aristocratici felini sono così e si fanno curare e coccolare a suon di fusa….incredibile!!!!!

In realtà quello che ha reso la mia esperienza così bella è stato il fatto di averla fatta col cuore e di esser riuscita a percepire l’enorme affetto che ogni giorno mi hanno dato i miei pazienti; un affetto trasparente, sincero e che ti viene incessantemente dato e chiesto e che tu non puoi fare a meno di corrispondere, al di là della stanchezza fisica, dell’orario di lavoro e del giorno libero [che Eleonora non ha praticamente mai preso, in un mese di servizio, nota di Silvia]….

 

Ovviamente questa è un’arma a doppio taglio e l’ultimo giorno devi salutare tutti e velocemente scappare perché un secondo dopo ti hanno già lasciato un enorme vuoto dentro. E’ stata un’esperienza forte e bella e ringrazio mille volte tutti: i ragazzi del Monviso per la loro eccezionale ospitalità, la Dr.ssa Raineri e Silvia per i consigli ed il supporto morale e Nanda che mi ha aiutato nelle lunghe e calde giornate di lavoro.

Eleonora Corsi
Medico veterinario


Annunci

Categorie