Archive for the 'Randagismo' Category

Obiettivo del 90% raggiunto anche a Lameirao!

Featured image

Approfittando dell’aiuto del dott. Salvador Mascarenhas in clinica, abbiamo spostato la sala operatoria mobile fuori citta’.

Featured image

Questa volta siamo andati a Lameirao, dove abbiamo sterilizzato 9 animali nell’ampio locale messo a disposizione dall’associazione locale, e somministrato l’antiparassitario agli oltre 30 cani sterilizzati che vivono in questo paese (e anche ad alcuni cuccioli che sterilizzeremo al piu’ presto).

Featured image

Con questa ultima campagna, realizzata dal nostro efficiente staff composto da Guilherme Regy Oliveira, chirurgo veterinario, Ravi Silva, autista e aiuto tuttofare, e Lau Fortes, affezionato volontario tuttofare,

Featured image

possiamo dire di aver raggiunto un tasso di sterilizzazioni del 90% anche a Lameirao, che si piazza cosi’ al secondo posto in classifica dopo Salamansa!

Featured image

Aiutateci a continuare il nostro incessante lavoro con una donazione sul conto intestato a SIMABO ONLUS pressobanca Prossima,
Iban: IT23S0335901600100000009584 – SWIFT: BCITITMX

Featured image

Nederlandse vrienden die van dieren houden, help ons!

Beste vrienden,

Featured image

Tegenwoordig zijn het zeer moeilijke tijden voor SIMABÔ, een organisatie die (straat)honden en katten helpt in Kaapverdië. Dit jaar eindigt een periode van drie jaar subsidies van de Europese Unie en ze staan op het punt een nieuw jaar in te gaan zonder de minste zekerheid over de toekomst, terwijl ze het engagement hebben om 4.000 dieren te steriliseren en de werkingskosten alleen al ongeveer 6.000 euro per maand bedragen.

Featured image

In de zes jaar dat zij bestaan, hebben zij meer dan 6.000 dieren gesteriliseerd en behandelden zij gemiddeld 30 patiënten per dag. Ze creëerden een toevluchtsoord waar nu ongeveer 90 honden onderdak vinden en een kattenasiel met ongeveer 30 katten. Daarnaast hebben ze een spoeddienst opgericht die onafgebroken, 7 dagen op 7, te bereiken is en gratis hulp biedt aan zieke en gewonde dieren, met of zonder baasje. Ze vonden bovendien een thuis in Sao Vicente of in het buitenland voor ongeveer 200 dieren die op straat leefden.

Featured image

Maar dat is niet alles. In die zes jaar zijn ze er ook in geslaagd om, door intense onderhandelingen met de lokale autoriteiten, een einde te maken aan de vergiftigingscampagnes die in opdracht van de gemeente Sao Vicente plaats vonden. Dankzij SIMABO worden de honden die vrijgelaten worden uit de gemeentelijke kennel niet alleen gesteriliseerd en gechipt, maar verkeren ze ook in goede gezondheid. Wie op de hoogte is van wat er dezer dagen gebeurt op de omringende eilanden, weet wat voor een verschil dergelijke overeenkomsten kunnen betekenen.

Featured image

Dat alles is mogelijk dankzij de inzet en het doorzettingsvermogen van alle mensen die SIMABO steunen. Met dit bericht hopen we om andere mensen te inspireren om zich aan te sluiten bij ons kleinschalig maar tegelijk groots project. Met jullie steun kan SIMABO het leven van veel dieren echt veranderen.

Featured image

Help SIMABO zodat ze ook dit jaar én de komende jaren dieren kunnen helpen. Samen kunnen we het verschil maken.

Word maandelijkse donateur en ondersteun SIMABO op lange termijn: http://simabocapeverde.blogspot.dk/p/donation.html. Dat kan via PayPal of met een doorlopende opdracht op de rekening van SIMABO IBAN: IT23 S033 5901 6001 0000 0009 584 – BIC/SWIFT code: BCITITMX.

Volg hun dagelijkse bezigheden op Facebook en op de websites: http://www.simabo.org en http://www.simabocapeverde.blogspot.com

Wil je graag ter plaatse een handje gaan toesteken? Dat kan!
http://simabocapeverde.blogspot.dk/p/volunteer_24.html

More about simabo in English here: http://www.simabocapeverde.blogspot.com

Featured image

SIMABO SU IODONNA

Ringraziamo Nicoletta Pennati che ha dedicato alla nostra associazione un articolo per il giornale IODONNA.

Se volete leggere l’intervista che la giornalista ha fatto a Silvia Punzo, fondatrice di SIMABO, ecco il sito:

http://www.iodonna.it/viaggi/itinerari-turistici/2015/viaggi-intervista-silvia-punzo-cani-gatti-sao-vicente-50256298080.shtml

Buona lettura!

Un GRAZIE da Yasha

SANY0451[2]SANY0454[2]
Hello :0)
SANY0467[2]SANY0464[2]
I just wanted to say thank you again for yesterday , I was up all night emailing everybody I know all the information and photos of your wonderful project.
SANY0474[2]SANY0478[2]
so sorry I didn’t get to say goodbye properly, but I WILL be in contact and do all I can to help you
SANY0470[2]SANY0465[2]
I wanted to come over this morning but all the things that needed to be done yesterday did not get done,
SANY0469[2]SANY0463[2]
so I have to help get the boat ready this morning as we leave in a few hours
SANY0456[2]SANY0477[2]
so I am rushing to try and get done faster so that maybe if we have a  few minutes I can pop over again to the shelter with the guys
SANY0476[2]SANY0472[2]
I will leave some books with Jo and Genie for you to use in the accommodation room
SANY0475[2]SANY0466[2]
it was an honour to meet you and I am sure we will see each other again somehow
SANY0462[2]SANY0455[2]
lots of love
Yasha
SANY0473[2]SANY0471[2]
SANY0452[2]

SIMABO anche sul Corriere del Ticino

Le isole di Capo Verde sono diventate, negli ultimi anni, una meta turistica ambita: il sole, il mare azzurro, le lunghe spiagge quasi deserte richiamano ogni anno migliaia e migliaia di turisti. Questo angolo di paradiso ha anche lati oscuri: uno di questi è il destino dei randagi. C’è chi non ha voluto chiudere gli occhi davanti a questa realtà e ha creato l’associazione “Si ma Bô” (“come te”) per migliorare la sorte di questi animali.

BEATRICE JANN

 2014-10-13 CDT_corrieredelticino

Impossibile passare dieci minuti a Mindelo senza incontrare i suoi cani di strada. La notte li si sente abbaiare quasi in continuazione e li si vede correre nelle strade. Alcuni anni fa molti erano ammalati, alcuni con evidenti segni di rogna o zoppi dopo un incidente stradale. Ora non se ne vedono più di così malconci, ma dietro a questo fatto sta il lavoro instancabile di un gruppetto di persone, capitanate da Silvia Punzo, fondatrice e direttrice di Si ma Bô. La troviamo in un ufficio ingombro di carte e cartoni, di scaffali pieni di classificatori e armadi con materiale veterinario, immersa nel lavoro amministrativo, insieme a una segretaria e un autista-tuttofare capoverdiani. Sotto il tavolo riposano due cani, mentre da diversi angoli ci osservano con fare indifferente quattro gatti.  

“Nel 2000 sono venuta a Mindelo per lavorare in ambito turistico. Amo gli animali e così mi si spezzava il cuore vedendo la sorte degli animali di strada. Ne ho adottati un paio io e mi sono resa conto che non c’era un veterinario in tutta Capo Verde che potesse sterilizzare  una cagna o una gatta! Ho così fatto venire un mio conoscente e solo nel 2012 siamo riusciti a trovare un veterinario locale che ha accettato di formarsi con noi come chirurgo per fare essenzialmente sterilizzazioni. Nel 2008 abbiamo fondato l’associazione “Si ma Bô”, con una struttura parallela simile in Italia e nel 2011 siamo riusciti ad avere l’appoggio dell’Unione europea per un progetto quadriennale di sterilizzazione, che funga da progetto-pilota per tutta Capo Verde. L’UE ci paga tre quarti della somma necessaria, il resto dobbiamo trovarlo grazie alle donazioni, visto che dal governo locale non riceviamo sovvenzioni.”
Arrivano due giovani ragazzi capoverdiani:  “Sono Ivan e Elvin, i nostri “passeggiatori”, cioè coloro che portano a spasso i nostri cani” ci spiega Silvia. “Nel canile abbiamo circa 80 cani, dei quali però alcuni sono malati o si stanno riprendendo da interventi chirurgici. Grazie ai ragazzi, che si prendono ogni volta 3-4 cani ciascuno, ogni animale può avere la sua ora di passeggiata. In tutto l’associazione dà lavoro a 10 dipendenti capoverdiani”.

Ci spostiamo al rifugio poco distante, situato in un deposito messo a disposizione temporaneamente dai proprietari: “Stiamo cercando un terreno adatto per costruire una struttura nostra, ma non è facile”. All’interno tutto è rudimentale: “Ci manca di tutto: fili di sutura, medicinali, pure le gabbie di contenimento le costruiamo noi con listelli di legno” esclama la direttrice  “In 6 anni abbiamo sterilizzato circa 7000 cani, ma dovremmo arrivare a 10.000 entro febbraio 2016 per rientrare nell’obiettivo del progetto sovvenzionato. Si tratta sia di cani di famiglia, sia cani randagi che vengono catturati e poi rilasciati. Gli animali vengono pure muniti di microchip a spese nostre. Non essendoci un accordo ufficiale con le autorità locali – sebbene a livello nazionale ci abbiano riconosciuto lo statuto di struttura di utilità pubblica – siamo dovuti ricorrere al contatto diretto con il veterinario del canile pubblico, per evitare che sopprimessero anche gli animali che avevamo già castrato e microchippato. Non essendo però forniti di lettore per microchip, glielo abbiamo fornito noi. Dobbiamo ammettere che a livello personale il contatto funziona. Pure la polizia e l’esercito ci sostengono durante le nostre campagne nei dintorni di Mindelo”. Ed è proprio il comandante della squadra di polizia di Mindelo, Nelson de Pina, che ce lo conferma: “Si ma Bô ha creato una struttura della quale si sentiva da molto tempo la necessità qui a Mindelo. Ora attendiamo che finalmente ci sia una legge sulla protezione degli animali per poter intervenire efficacemente in casi di maltrattamento. Intanto però la gente ha qualcuno a cui rivolgersi se ha un cane malato, o ha trovato un animale ferito. Devo ammettere che per il momento non vedo una diminuzione del numero di animali randagi. Piuttosto ho notato che sono in uno stato migliore di salute, che è pure un bene per coloro che vivono a contatto con questi animali. Inoltre il comportamento della gente nei confronti di cani e gatti sta lentamente cambiando, grazie al lavoro di prevenzione, informazione e consulenza di Si ma Bô”.

“Nonostante i contraccolpi che un impegno come questo porta con sé, lo strazio di vedere ancora animali abbandonati o maltrattati, amo Mindelo e consiglio a chiunque di venire a visitarla.” conclude Silvia Punzo “E per chi volesse sostenere il lavoro della nostra associazione, trova tutte le indicazione necessarie sulle nostre pagine internet e Facebook .”

Su SIMABO… anche una tesina di maturità!

Esponiamo di seguito solo la parte della tesina riguardante l’associazione di Mindelo 🙂

Anno scolastico 2013-2014

SIMABO: UN CASO DI AMBIENTALISMO A CAPO VERDE

a

b c

Autrice: Stefania Zanon

CAPITOLO 4. UNA SOLUZIONE A MISURA DI TERRITORIO: SIMABO

4.1 Il randagismo a Sao Vicente: dati statistici

Monitoraggio della popolazione di cani nell’isola di São Vicente nel marzo del 2012 – Capo Verde

La stima della popolazione canina dell’isola di São Vicente è un presupposto indispensabile per ottenere informazioni utili (numero di animali e loro distribuzione) al fine di svolgere con successo la campagna di sterilizzazione nell’ambito del progetto finanziato dall’Unione Europea. Come dimostrato da numerosi autori, una campagna di sterilizzazione è efficace nel ridurre il numero di animali presenti in un’area se almeno il 75-80% degli effettivi vengono sterilizzati. Una popolazione canina smette di accrescersi se viene sterilizzato il 55% delle femmine presenti ed inizia a declinare se la sterilizzazione interessa il 65% delle femmine. Questi dati ci fanno comprendere come una stima di popolazione accurata e realistica sia necessaria per una efficace gestione della campagna di sterilizzazione.

Metodi utilizzati

La stima della popolazione canina è stata fatta seguendo il seguente protocollo:

  • Selezione di aree di campionamento rappresentative delle condizioni medie dell’ambiente frequentato dai cani nell’isola, a tal fine sono state campionate sia aree urbane che rurali;
  • Esecuzione di transetti, percorsi a piedi, con osservazione, conteggio e localizzazione dei cani presenti. La localizzazione dei cani è stata effettuata con l’ausilio di strumentazione GPS, mappe cartacee tradizionali e mappe elettroniche;
  • Esecuzione degli stessi transetti ed annotazione di segni di presenza indiretta (feci in particolare);
  • Valutazione del numero di cani presenti dentro le case nelle stesse zone in cui si conteggiavano i cani in strada. Tale valutazione è stata effettuata con interviste condotte casa per casa;

La stima di popolazione è stata effettuata selezionando 12 differenti aree campione di cui:

  • 7 aree campione per valutare la densità di cani presenti nelle aree urbane
  • 5 aree campione per valutare la densità di cani presenti nelle aree rurali

Dimensione totale della popolazione canina stimata nell’Isola di São Vicente

Limite inf. 95% Pop media Limite sup 95%
9.823  11.838  13.853

Conclusioni

  • Questa ricerca ha fornito, per la prima volta in assoluto, una stima del numero e una valutazione della distribuzione della popolazione canina dell’Isola di Sao Vicente.
  • Come era da attendersi, la distribuzione di cani dell’isola risulta particolarmente influenzata dalla presenza antropica, concentrandosi in particolare nell’area urbana di Mindelo ed in misura minore nei piccoli villaggi. Nell’ area urbana la densità di popolazione canina è 5,7 volte superiore alla densità riscontrata nelle aree rurali. Le popolazioni urbane e rurali sono differenti anche per quanto riguarda la sex-ratio di popolazione (rapporto tra numero di maschi e di femmine). Nelle aree urbane tale valore è di 1,2 contro un valore di 2,4 nelle aree rurali.
  • La popolazione canina dell’isola è stata stimata in circa 12.000 unità. Considerando che in alcuni casi durante le operazioni di censimento si sono incontrati problemi nel contattare tutti i padroni delle case (possibile fonte di sottostima del dato), tale stima potrebbe essere incrementata di un valore percentuale pari al 10,2% nelle aree urbane ed al 13,9% nelle aree rurali.
  • La stima di popolazione sarà molto utile per la futura gestione della popolazione canina dell’isola ed in particolare:
    • Sarà di indubbia utilità per programmare la campagna di sterilizzazione (quanti animali sterilizzare e dove concentrarsi).
    • Permetterà di comprendere meglio la struttura di popolazione ed in particolare il rapporto tra i sessi. Nel nostro campione la popolazione appare nettamente sbilanciata, con maggiore prevalenza dei maschi. Questo dato permetterebbe di considerare strategie di sterilizzazione che forniscano un più favorevole rapporto costi/benefici (es. concentrare in un primo tempo lo sforzo di sterilizzazione verso le femmine, soprattutto nelle aree urbane dove la loro prevalenza rispetto ai maschi è ridotta – ricordiamo che sterilizzando il 65% delle femmine di una popolazione si riesce a ridurre sul lungo periodo la densità di popolazione generale).
    • Permetterà di valutare l’impatto della campagna di sterilizzazione sulla dinamica di popolazione dei cani nel tempo. Censimenti ripetuti nei prossimi anni dovrebbero evidenziare una tendenza alla riduzione delle densità in caso di efficacia delle operazioni di sterilizzazione.
    • Permetterà di valutare la presenza di punti critici con maggiore aggregazione di cani dovuta a differenti fattori ambientali (presenza di cibo – mercato del pesce; presenza di spazzatura – discarica) e dove è dunque maggiore l’urgenza di attuare interventi volti a risolvere la criticità rilevata (tutti gli animali osservati sono stati registrati in cartografia elettronica, strumento che permette una efficace gestione di popolazione).
  1. 2 Simabo: un’organizzazione per la protezione degli animali e dell’ambiente a Sao Vicente

logo

La storia

Primo successo di Simabo: Jendo, il primo cagnolino di SI MA BO operato presso il Centro di Pronto Soccorso Veterinario di Praia (Capo Verde) del progetto Bons Amigos, finanziato da un’associazione austriaca. Gli animali incidentati o feriti o con malattie gravi vengono inviati nella capitale in aereo. In genere sono animali che vivono in strada e quindi più esposti a ogni genere di pericoli. Quando rientrano guariti, SI MA BO si impegna a trovare loro una famiglia d’adozione.

jendo

Si ma bô è un’espressione creola che significa “loro come te”. E’ una ONG per la cura e la protezione degli animali e dell’ambiente con sede a Mindelo, nell’isola di Sao Vicente, Capo Verde.

1

Fu fondata nel 2008 da Silvia Punzo, alessandrina, che vive ormai da 8 anni sull’isola di São Vicente, nell’arcipelago di Capo Verde. Secondo lei l’indifferenza, la violenza, la gratuita crudeltà sono, spesso, frutto di una mancanza di cultura e di formazione piuttosto che d’autentica malvagità. Per questo l’associazione, fondata con locali amici degli animali, è stata chiamata così.

2

Ha incominciato questa battaglia con l’aiuto di tutta la famiglia curando in prima persona, per così dire, artigianalmente, gli animali bisognosi e feriti trovati per strada. Oggi, nella sede dell’associazione, una vecchia casa abbandonata rimessa a posto con il duro lavoro di alcuni volontari italiani e locali, possono essere “ricoverati” circa 30 animali, che ricevono cibo e cure intensive oltre ai 70 residenti fissi nell’ abitazione, in attesa di adozione.

3

SIMABO: un altro modo di pensare, ma non senza complicazioni

L’obiettivo più ambizioso è sensibilizzare la popolazione agendo in maniera diretta contro il randagismo attraverso campagne di profilassi antiparassitaria, adozione e sterilizzazione: un compito molto difficile in un paese povero che controlla il numero degli animali facendo avvelenamenti di massa dei cani.

a  s

Silvia vuole cambiare questo modo di pensare: è convinta che curando le malattie di cani e gatti si possano risolvere anche le malattie della pelle (il 30% dei bambini ne soffre), pensa che il destino degli esseri viventi è comune e propone un aiuto combinato, come un’originale campagna d’aiuti pagando le tasse scolastiche ai bambini che adottano un cane o un gatto (e che s’impegnano a prendersene cura sotto il controllo dell’associazione).

d

Con soli 15 euro l’anno infatti tutti possono pagare le tasse scolastiche ai bambini che adottano un animale. In questo modo, ai bimbi più poveri, che vivono spesso in strada molto a contatto con i poveri animali affamati, viene offerta una possibilità materiale e culturale, di riscatto e di conoscenza. Tramite i bambini la cultura del rispetto può arrivare nelle famiglie.

g

SI MA BÔ ha poco: servono strumentazioni e medicine, oggetti semplici come gabbiette per trasportare gli animali, difficili da reperire in loco. Le sterilizzazioni vengono eseguite periodicamente in sede e inizialmente gli interventi d’urgenza venivano fatti nell’ambulatorio dell’isola di Praia, poiché in loco non c’erano sempre veterinari disponibili. Ora, fortunatamente, ci sono quasi sempre due veterinari fissi nella sede.

p e

4.3 La soluzione di Simabo al randagismo: progetto Viralata

Designazione Lotta contro gli animali randagi dell’isola di Sao Vicente – Progetto pilota per l’arcipelago di Capo Verde.
Posizione Capo Verde, São Vicente, Mindelo
Costi Costo totale dell’azione: 267 000 euroImporto richiesto dall’amministrazione aggiudicatrice: 200 000 euro% Del totale dei costi ammissibili dell’azione: 75%
Durata totale dell’azione 36 mesi
Obbiettivo dell’azione Eliminare animali randagi sull’isola di São Vicente e testare un modello di intervento per il controllo della popolazione felina e canina a lungo termine, nell’arcipelago di Capo Verde.
Gruppi/enti per i quali il progetto avrà un impatto diretto e positivo Istituzioni (come São Vicente, Ministeri della Salute e dello Sviluppo Rurale) e il personale di ufficio permanente, responsabili di garantire la continuità del servizio di sterilizzazione, la terapia e la profilassi antiparassitaria.
Beneficiari finali (coloro che potranno beneficiare del progetto a lungo termine) I beneficiari diretti dell’azione sono:
– Proprietari di animali domestici, in particolare:
• persone indigenti,
• le donne
• bambini;
– Gli abitanti delle zone rurali,
– Le persone disabili,
– Due università italiane.
Beneficiari indiretti dell’azione sono:
– Laureati veterinari esteri,
– I veterinari locali,
– Il settore privato,
– Tutti gli isolani che non hanno animali
Risultati sperati
  • Offrire ricovero e soccorrere i cani e i gatti randagi vittime di incidenti stradali o di gravi parassitosi e altre malattie sistemiche trasmissibili agli umani, soprattutto nei bambini che trascorrono gran parte del tempo libero in strada.
  • Sterilizzare fino al 70% di animali sull’isola di São Vicente in un periodo di tre anni per ridurre la proliferazione dei cani e dei gatti randagi che vengono abbattuti periodicamente dal Comune con bocconi alla stricnina, con grave pericolo per gli abitanti, nel vano intento di controllare la popolazione canina e felina dell’isolaed esportare il modello per le altre isole dell’arcipelago, a partire da Santiago (Praia).
  • Promuovere l’adozione degli animali recuperati da parte di famiglie selezionate
  • Favorire l’adozione di una normativa a tutela dei diritti degli animali
  • Sensibilizzare la popolazione nei confronti dei diritti degli animali, della protezione e della conservazione delle specie in pericolo di estinzione, coinvolgendo la popolazione locale nelle attività, con incontri informativi nelle scuole e presso la sede operativa, attraverso manifestazioni culturali e scientifiche e programmi di informazione sui media locali (radio e televisioni).
Attività principali
  • Il soccorrimento i cani e i gatti randagi che, soprattutto nei quartieri poveri, vivono spesso in condizioni drammatiche
  • offrire un ricovero a quelli che necessitano di cure intensive, vittime di incidenti stradali o di gravi parassitosi e altre malattie sistemiche
  • combattere il randagismo attraverso campagne di profilassi antiparassitaria gratuite
  • adozione e sterilizzazione gratuite, che possano sostituire le campagne di abbattimento con stricnina disposte dal Comune.
  •  la gestione di un ambulatorio permanente per le sterilizzazioni con la presenza continua di veterinari
  • l’assunzione di personale locale disponibile a lavorare con gli animali
  •  la realizzazione di campagne informative e di sensibilizzazione
  •  l’intervento nelle altre località dell’isola.

 

Nina e Pequeño!

Nina e Pequeno su la zampa:

Bellissimo e commovente il servizio televisivo andato in onda durante la puntata di SU LA ZAMPA che ha avuto come protagonisti i nostri piccoli Nina e Pequeño
Preciso e dettagliato il commento della Dott.ssa Mucchi della clinica DogFitness che ha perfettamente descritto lo stato attuale di entrambi i cani, sottolineando le esigenze e le condizioni necessarie per la loro adozione
Meraviglioso e pieno di vita il  piccolo Pequeño che quotidianamente sta continuando a migliorare tramite la fisioterapia
pequeno11[1]
Vitale e gioiosa anche Nina che fortunatamente ormai cammina in tutta autonomia
nina11[1]
I costi che Lamento Rumeno Onlus ha sostenuto fino al 31 maggio sono pari a 14.390,00 euro
Siamo grati a tutti coloro che potranno capire l’enorme sforzo economico che stiamo affrontando e vorranno aiutarci a diffondere questo appello affinche’ Nina e Pequeño possano finalmente trovare l’adozione che meritano
Grazie di cuore allo staff di Su la Zampa per questa preziosa opportunita’; grazie alla sensibilita’ e collaborazione di  Elena Benassi,  di Barbara Tirelli, della Dott.ssa Mucchi e dello staff della clinica Dog Fitness

Le vostre donazioni potranno essere devolute tramite:

–          conto corrente postale  n. 70994579 intestato a Lamento Rumeno Onlus

–          bonifico codice Iban IBAN IT16 S076 0112 3000 0007 0994 579

–          paypal : info@lamentorumeno.org

–          causale: NINA – PEQUENO

 unnamed unnamed (1)